Pane bianco biologico

Perchè scegliere il pane bianco biologico

Scegliere di consumare il pane bianco biologico fa bene alla salute, non solo perché è bio, ma perché, sembra incredibile, anche il pane integrale può nascondere dei pericoli per l'organismo. Il pane integrale è realizzato con le farine integrali, dunque farine che contengono crusca e germe di grano, a differenza delle farine bianche che ne sono completamente prive. Cominciamo col dire che spesso il pane integrale è realizzato con farine finte integrali, ovvero quelle farine bianche alle quali viene aggiunta la crusca. Questo tipo di pane non può essere considerato integrale, in quanto privo del germe che come tutti sanno è la parte ricca di vitamine e minerali. Un altro punto a sfavore del pane integrale è che per renderlo più morbido e saporito viene preparato con l'aggiunta di strutto, il grasso di tipo animale non sempre ben tollerato dall'organismo. Infine attenzione alla crusca. La crusca contiene fitati, ovvero i sali dell’acido fitico che se consumati in quantità elevata si trasformano in sostanze antinutrienti, perché riducono l’assorbimento di alcuni minerali, concorrendo a importanti carenze di ferro, zinco e calcio.
Tipologie pane

Mulino Bianco Cracker Salati con una Lievitazione Naturale, Snack Salato per la Merenda - 500 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€
(Risparmi 0,16€)


Cosa si intende per pane bianco biologico

Farina 00 Per la produzione del pane bianco biologico viene utilizzata la farina di grano tenero da coltivazione bio. Ovvero da quelle coltivazioni che all'interno del sistema delle produzioni agricole, puntano ad offrire al consumatore prodotti freschi, genuini e privi di sostanze chimiche, mentre a livello di impatto ambientale, cercano di ridurre il più possibile i danni delle varie attività produttive, facendo in modo che ogni terreno venga utilizzato in modo ecosostenibile, nel rispetto dei suoi cicli naturali, compresa la difesa di benessere e salute degli animali, dell’aria e dell’acqua. Il grano tenero per la produzione del pane bianco biologico è ricavato dalla specie triticum aestivum, ovvero il frumento comune. Un tipo di frumento caratterizzato da chicchi friabili, dalla cui macinazione si ottiene la farine bianca di tipo 00 e 0, destinata alla produzione di pane bianco, pizze, dolci e altri prodotti lievitati.

  • Fette pane Per la preparazione delle fette di kamut bio viene impiegata la farina di Triticum turgidum, un particolare tipo di cereale la cui cultivar denominata Khorasan è protetta dal marchio registrato Kamut®...
  • Grissini integrali biologici con intingolo I grissini integrali biologici sono una merenda gustosa e dietetica adatta a chi deve perdere peso o semplicemente è un appassionato di cibo bio integrale. Ne esistono diverse versioni, tutte integral...
  • Fette biscottate con uova E' noto che la colazione è il pasto più importante della giornata. Di conseguenza saltarla o mangiare una merendina confezionata in tutta fretta non solo rallenta il metabolismo, che si traduce in un ...
  • Gallette di riso Demonizzare un prodotto è sempre (o quasi) sbagliato e sulle gallette, i classici sostituti dietetici del pane, se ne sono dette tante. In realtà, come qualsiasi altro prodotto in commercio, anche le ...

Mulino Bianco Crostini Granetti Classici, Snack Salato per la Merenda - 280 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,33€


Quando il pane bianco era cibo per ricchi

Mulino farina La storia del pane bianco e della sua considerazione sulle tavole italiane, nella sua complessità è davvero affascinante, perché permette di fare un viaggio sulle abitudini alimentari degli italiani negli ultimi due secoli. Nei tempi antichi, la macinazione della farina bianca era una procedura piuttosto complicata, per questo il pane bianco veniva classificato come cibo per ricchi. Analogamente il pane nero, ottenuto molto più facilmente, ovvero senza separare le sostanze contenute nel chicco, era consumato dalle popolazioni povere. Alla fine del Settecento l’introduzione dei mulini vede la diffusione della farina bianca e con essa l’inizio della produzione di pane bianco alla portata di tutti. La lavorazione della farina bianca basata sulla tecnica di macinazione industriale, è prodotta utilizzando il cuore del chicco, ricco soprattutto di amido, dal quale vengono scartate le parti superficiali meno organoletticamente attraenti, ricche di fibra e di vitamine, ma anche di sostanze nocive, quali: lignina e cellulosa.


Pane bianco biologico: Nuove tecniche di produzione

Pane bio Grazie alle nuove tecniche di macinazione del frumento, oggi è possibile ottenere una farina bianca con all'interno le parti buone della fibra, ovvero quelle sostanze selezionate che fanno bene alla salute. Una tecnica innovativa che permette di trattenere le parti ricche di minerali e vitamine della crusca, per la preparazione del pane bianco biologico. Durante il processo di macinazione, la crusca non viene eliminata, ma scomposta tra quella che è la fibra insolubile, più scura e meno gradevole e quella più buona e solubile. Quest’ultima viene recuperata e reintrodotta nel processo di lavorazione della farina che una volta ottenuta, pur mantenendo il suo colore bianco, presenta una quantità di fibra superiore, rispetto alle farine bianche di tipo tradizionale. Oltre ad essere più digeribile, questa farina contiene anche un maggior numero di antiossidanti, e non ha tracce di lignina e cellulosa, dunque concorre ad eliminare il rischio di residui chimici nocivi che potrebbero danneggiare la salute dell'organismo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO