Cappelletti senza glutine

I cappelletti, una pasta tipica della tradizione italiana

I cappelletti sono una tipologia di pasta tipica della tradizione italiana, apprezzata, ancora oggi, in molte zone del Bel Paese. I cappelletti rappresentano un piatto tipico condiviso da due regioni in particolare: l'Emilia Romagna e le Marche. Tradizionalmente essi venivano preparati a mano, in quanto è un formato di pasta che ha radici molto antiche, preparata secondo i segreti tramandati di generazione in generazione. Veniva preparata la sfoglia e tagliata in tanti piccoli quadratini nei quali veniva adagiato il ripieno. Successivamente con le dita questi piccoli quadratini di pasta venivano piegati fino a ottenere la forma di un triangolo, le cui estremità venivano poi unite, conferendo alla pasta la sua forma tipica. I cappelletti vengono preparati ripieni con diversi tipi di carne o con del formaggio, arricchito con erbette a piacere.
Impasto senza glutine

Giusto Senza Glutine Cappelletti Di Carne 250 g SCADENZA 12/2018

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,99€


Pasta senza glutine per chi soffre di celiachia

Cappelletti senza glutine Sono molte le persone che soffrono di celiachia e che non possono mangiare pasta di semola di grano duro, quella che più comunemente viene utilizzata dalla maggior parte delle famiglie. La pasta senza glutine è pensata proprio per i celiaci, una soluzione perfetta per non rinunciare ad un buon piatto di pasta. Questa viene realizzata con cereali alternativi al grano, una soluzione gustosa e soprattutto saporita. Un esempio può essere la pasta di riso integrale senza glutine, la pasta con farina di lenticchie, pasta di quinoa senza glutine, pasta di ceci e di mais senza glutine. Molti sono anche i piatti pronti senza glutine, da riscaldare in padella o al forno. I piatti pronti senza glutine sono l'ideale per chi soffre di questa patologia e non è un grande esperto in cucina.

  • Cappelletti in brodo Ogni anno la preparazione del pranzo di Natale è motivo di ansia per chi deve ospitare una moltitudine di parenti in casa propria. La situazione si complica quando, tra gli invitati, c’è anche un vege...

GustaMente Cappelletti alla carne - senza glutine e senza lattosio - Pacco da 6 x 250 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,04€
(Risparmi 8,96€)


Cappelletti senza glutine, ricette e piatti pronti

Preparazione cappelletti per celiaci In commercio e nei supermercati più forniti è possibile trovare cappelletti senza glutine, perfetti per realizzare tantissime ricette saporite, senza dover rinunciare al gusto della tradizione. La tipica ricetta per preparare degli ottimi cappelletti è nel brodo di carne oppure di verdure, uno dei piatti peculiari della stagione fredda, ideale per riscaldarsi durante le fredde giornate invernali. Un'alternativa golosa può essere condire i cappelletti con un buon sugo di pomodoro fresco e basilico oppure semplicemente con del burro e della salvia fresca. Tantissime ricette disponibili di cappelletti senza glutine, pronte per essere realizzate da tutte quelle persone che soffrono di celiachia e desiderano gustare questa famosa pasta della tradizione culinaria italiana.


Che cos'è e come si riconosce la celiachia?

Cappelletti in brodo per celiaci La celiachia è una patologia di tipo alimentare al glutine. Si tratta di una delle più diffuse malattie genetiche, che sta conoscendo una maggiore sensibilizzazione tra i produttori di prodotti alimentari. Per le persone celiache è importante eliminare definitivamente tutti gli alimenti che contengono glutine, come ovviamente i cereali e tutti quei prodotti che possono contenerne delle tracce al loro interno. Soltanto in questo modo è possibile condurre una vita sana. I sintomi possono manifestarsi in diversi e in maniera più o meno intensa, cambiando da persona a persona. I più diffusi sono gonfiori e dolori addominali, diarrea, stanchezza cronica, cefalea, nausea, dermatite e perdita di peso. Fondamentale è sottoporsi a dei controlli medici per conoscere una possibile predisposizione alla celiachia, effetuando le analisi del sangue e in secondo momento una biopsia intestinale, che permetta di capire lo stato di questa patologia.




COMMENTI SULL' ARTICOLO