Intolleranza al latte sintomi

Intolleranza al latte sintomi

Parlando di intolleranza al latte sintomi, ci si riferisce alla difficoltà di digerire il lattosio, ossia lo zucchero del latte. Non deve, quindi, essere confusa con l'allergia alle proteine del latte, che consiste nell'impossibilità, del nostro organismo, di assimilare il latte vaccino. L'intolleranza lattosio è causata dalla mancanza di un enzima preposto alla digestione del lattosio, ossia l'enzima lattasi. Poiché il lattosio non viene digerito, l'organismo esprime tale difficoltà manifestando gonfiori addominali, crampi, diarrea, eccessivo gas addominale, feci galleggianti e stati di malessere generale come l'emicrania. La mancanza del lattasi può sussistere fin dalla nascita oppure sovvenire in età adulta a causa di malattie intestinali o di particolari operazioni chirurgiche a livello intestinale.
Crampi addominali

Vitamina B12 Methylcobalamin 1000mcg, 180 Vegetariano vegan sublinguale Meltlets, 6 del mese d'approvvigionamento ad alta resistenza Supplemento per Rite-Flex

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,97€


Dieta per intolleranza al lattosio

Latte soia L'intolleranza al latte sintomi si curano attraverso una dieta particolare che prevede l'esclusione totale del lattosio. Grazie alle aziende alimentari è molto semplice seguire una dieta priva di lattosio. In commercio, infatti, si riesce a trovare con facilità ogni tipologia di alimento latticino privato dello zucchero del latte. Ecco, quindi, che nei supermercati spopolano il latte senza lattosio, i formaggi senza lattosio, i gelati senza lattosio, il cioccolato senza lattosio, etc. Ma se volete escludere del tutto il latte vaccino dalla vostra dieta, potete optare per una vasta tipologia di latti vegetali molto gustosi, sani e nutrienti. Ad esempio, il latte di soia, di riso, di mandorle, di avena, di nocciola, di cocco sono validi sostituti.

  • Meringhe Le meringhe sono i dolci senza latticini più famosi. Esse si adattano davvero a qualsiasi esigenza: sono, infatti, perfette da servire come dessert a fine pasto ma sono ottime anche per la merenda pom...
  • Intolleranza lattosio Il lattosio è lo zucchero presente naturalmente nel latte e, quindi, in tutti i suoi derivati. L'organismo umano è in grado di digerirlo grazie ad un enzima particolare chiamato lattasi. Non tutti san...
  • L'intolleranza al latte vaccino è molto diffusa L'intolleranza al latte vaccino, da non confondere con le allergie al lattosio è un disturbo di cui soffrono sempre più italiani ogni anno. Infatti si stima che sia quasi il 50% della popolazione nazi...
  • Esempio test per intolleranze alimentari Per alcune persone l'assunzione di determinati cibi è ostica per l'organismo e questo causa le intolleranze alimentari e gonfiore o le allergie. Quando si parla di intolleranza alimentare ci si riferi...

Scitec Nutrition Lactase Enzyme, 100 Capsule

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,84€
(Risparmi 5,39€)


Menù per intolleranza al lattosio

Emmenthal formaggio Nel caso di intolleranza al latte sintomi, è possibile seguire un menù settimanale gustoso e sano, che non ha nulla da invidiare alla classica dieta seguita da chi consuma abitualmente alimenti contenenti lattosio. A colazione, ad esempio, si può scegliere per una manciata di cereali e una tazza di latte senza lattosio. Quest'ultimo può essere sostituito da molte tipologie di latte vegetale come quello di soia, di riso, di avena, di mandorle, di kamut, di nocciola, di cocco. A pranzo, si può mangiare qualsivoglia piatto, non rinunciando alla spolverata di parmigiano sulla pasta. A cena, basta escludere i formaggi freschi, come mozzarella, certosino, ricotta, etc. I formaggi consentiti sono: parmigiano, grana, pecorino, gorgonzola ed emmenthal.


Test da effettuare

Breath test In caso di intolleranza al latte sintomi esistono diversi metodi per diagnosticare la reale difficoltà del nostro organismo a non digerire il lattosio. Le metodiche mediche di cui ci si avvale più di frequente sono il breath test e il test genetico. Il breath test, o test del respiro, consiste nel soffiare all'interno di uno strumento che calcola la quantità di idrogeno prima e dopo aver assunto del lattosio. In caso di mancanza dell'enzima lattasi, si scatena un processo di fermentazione a livello intestinale che fa aumentare il livello di idrogeno in circolo. Il test genetico, invece, punta sulla composizione genetica del soggetto, prelevando e analizzando una piccola componente di mucosa dalla bocca. Così si può distinguere se le copie del gene sono sane o mutate.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO