Valori intolleranza al lattosio

Cos'è l'intolleranza lattosio

Il lattosio è lo zucchero presente naturalmente nel latte e, quindi, in tutti i suoi derivati. L'organismo umano è in grado di digerirlo grazie ad un enzima particolare chiamato lattasi. Non tutti sanno che l'enzima della lattasi tende, nei mammiferi, a non essere più prodotto dal momento in cui si sospende l'allattamento materno. Questo è il motivo per cui, quando si svezzano i neonati, si evita il latte vaccino e si consiglia latte specifico fino a quando i latticini verranno introdotti, verso l'anno d'età, gradualmente. Nella maggior parte delle persone la lattasi riprende a funzionare normalmente nella prima infanzia e non dà fastidi. In alcuni soggetti invece, può diminuire la produzione enzimatica e non ripristinarsi più. In altri casi ancora tutto si stabilizza a distanza di qualche mese dalla sospensione dell'allattamento e poi, in età adulta, la produzione di lattasi diminuisce o cessa del tutto, provocando l'incapacità di digerire il lattosio. È importante, in caso di disagi intestinali a qualsiasi età, porli all'attenzione del medico e chiedere la verifica dei propri valori intolleranza al lattosio.
Intolleranza lattosio

al 110 Latte 400 Gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,2€


Valori intolleranza al lattosio oggettivi

Latte Come per molte intolleranze alimentari, nemmeno per quella al lattosio esistono test specifici in grado di dare un risultato totalmente sicuro. Tendenzialmente, il metodo d'elezione per verificare una scarsità di lattasi si basa sull'osservazione di una dieta privativa comparata con un diario sintomatologico. Lo specialista chiede al paziente di redigere quotidianamente, per una settimana, un diario alimentare e segnalare in corrispondenza di ogni pasto gli eventuali sintomi riscontrati. Dopodiché, per la settimana successiva il paziente dovrà seguire un'alimentazione scrupolosamente privata di latticini. Se i sintomi scompaiono il test è considerato positivo per intolleranza lattosio e, di conseguenza, si ha la ragionevole certezza che il paziente abbia valori intolleranza al lattosio alti che si traducono con una scarsa capacità funzionale di produzione enzimatica di lattasi. A seconda della gravità dei sintomi lamentati il medico potrà prescrivere una dieta del tutto priva di latticini oppure un'alimentazione controllata che ne conceda l'uso limitato, tarato soggettivamente sulle reazioni del paziente.

  • Crampi addominali Parlando di intolleranza al latte sintomi, ci si riferisce alla difficoltà di digerire il lattosio, ossia lo zucchero del latte. Non deve, quindi, essere confusa con l'allergia alle proteine del latte...
  • Latte bianco Il lattosio è uno zucchero composto da due componenti semplici monosaccaridi, l'alfa glucosio e il beta galattosio, legate assieme tramite un legame glicosidico. Per idrolizzare, ossia scindere, la mo...
  • Besciamella senza lattosio Iniziamo col proporvi la ricetta della besciamella senza lattosio, una preparazione utile per realizzare tanti piatti gustosi. Vi occorrono un litro di latte di soia non zuccherato, 3 cucchiai d'olio ...
  • Breath test I biscotti per intolleranti al lattosio vengono consumati da coloro i quali hanno difficoltà a digerire il lattosio. Essi, infatti, possono cibarsi solo di alimenti senza lattosio. Ma in cosa consiste...

Iso Whey Zero liquore alle noci 908 g barattolo - Isolamento siero - senza zucchero, senza glutine - BiotechUSA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36,9€


Test genetico per intolleranza lattosio

Yoghurt Il test genetico sui valori intolleranza al lattosio è una pratica dedicata esclusivamente ai neonati che presentano grave sintomatologia addominale, asmatica o dermatologica nelle prime settimane di vita. Se un bambino di pochi giorni rifiuta di alimentarsi, cresce poco e presenta importanti sintomi gastrointestinali, il neonatologo può consigliare un test genetico per la ricerca dell'enzima lattasi. È un esame che si esegue tramite prelievo di sangue, molto complicato da interpretare e che richiede tempi abbastanza lunghi in quanto si analizza il DNA. Si cerca, nella porzione genetica deputata alla produzione enzimatica, il gene responsabile della produzione di lattasi. In caso non fosse presente l'esame è positivo per intolleranza al lattosio e viene, quindi, interpretato come valori intolleranza al lattosio alti e classificato come grave deficit metabolico. Questo comporta una dieta, a vita, completamente privata di latte e derivati, inclusi gli eccipienti di alcuni farmaci. Il test genetico non si effettua sugli adulti perché l'assenza di lattasi genetica è una condizione rara che si manifesta esclusivamente nelle prime settimane di vita.


H2-Breath Test

Latte soia Uno strumento coadiuvante della diagnosi di valori intolleranza al lattosio alti è il cosiddetto test dell'idrogeno, chiamato H2-Breath Test. È un esame che può essere richiesto per avere un'indicazione aggiuntiva al metodo di diagnosi oggettivo da dieta privativa. Si tratta di chiedere al paziente, a digiuno da almeno 12 ore, di insufflare aria in un sacchetto sterile tramite un beccuccio. Il prodotto verrà poi analizzato alla ricerca di idrogeno. Infatti, una delle reazioni metaboliche anomale provocata dall'intolleranza lattosio è un'eccessiva produzione di idrogeno anche in tempi differenti dalla digestione. Il risultato è positivo se nell'aria espulsa dal paziente si riscontra una concentrazione di idrogeno pari o superiore a 20ppm, parti per milione. L'H2-Breath Test non è un esame da considerare sicuro al 100% ma è comunque altamente indicativo di carenza o inefficienza di lattasi e, se positivo in un quadro sintomatologico compatibile per valori intolleranza al lattosio alti, determina ragionevolmente la diagnosi di intolleranza.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO