Intolleranza agli zuccheri sintomi

Intolleranza agli zuccheri sintomi

Il vasto universo delle intolleranze alimentari dovrebbe necessariamente essere ridimensionato. Vanno prese in esame infatti solo quelle che possono essere diagnosticate all’interno di un percorso scientificamente accreditato, solo dopo un periodo di osservazione clinica. Parlando di intolleranza agli zuccheri sintomi è possibile identificare quelli classici che colpiscono l’apparato gastrointestinale, causando, a più livelli, mal di pancia, vomito, diarrea, flatulenza, meteorismo, dispepsia. Sembra che persino la sindrome del colon irritabile nasconda probabilmente una origine di tipo alimentare, sebbene sia difficile identificarne con certezza la sostanza che la determina. Tuttavia sono allo studio accertamenti sempre più mirati ed approfonditi per cercare di debellare una malattia che affligge un sempre maggior numero di persone.
intolleranza agli zuccheri

foodspring Porridge Proteico Bio, Cioccolato, 420g, Colazione per la tua forma fisica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€


Intolleranza al lattosio

Intolleranza al lattosio Tra le intolleranze agli zuccheri, forse la più comune e conosciuta riguarda proprio il latte. In realtà non si è intolleranti a questo alimento tout court, ma solamente al dolcificante naturale costituito dal lattosio. Questo disturbo può emergere fin dall’infanzia, e lo dimostra il fatto che sono presenti diversi latti artificiali a basso contenuto di lattosio, ovvero latti in cui sono presenti dei fermenti che spezzano la molecola incriminata nei due componenti più semplici, ovvero il galattosio ed il glucosio, che sono meglio assimilabili a livello intestinale. L’intolleranza al lattosio si manifesta con la crescita, quando l’organismo smette di produrre l’enzima lattasi. Fortunatamente l’industria alimentare è andata in soccorso di tutte le persone che non potevano più avvicinarsi a latte e latticini freschi, producendone un tipo a basso contenuto di lattosio, noto con vari appellativi commerciali.

  • Allergia al lattosio sintomi L'intolleranza o allergia alimentare è una reazione anomala dell’organismo all'introduzione di una sostanza normalmente innocua. Il lattosio è uno zucchero complesso contenuto nel latte che è digerito...
  • Il riso è una pianta delle graminacee Le ragioni alla base degli intolleranza al riso sintomi, un cibo tollerato dai più, variano da soggetto a soggetto. Può essere di natura biochimica, oppure può essere causata da un forte stress, da un...
  • Crampi addominali Parlando di intolleranza al latte sintomi, ci si riferisce alla difficoltà di digerire il lattosio, ossia lo zucchero del latte. Non deve, quindi, essere confusa con l'allergia alle proteine del latte...
  • Anamnesi sintomi Il primo passo per arrivare alla diagnosi di celiachia è la valutazione dei sintomi insieme al medico di famiglia. Se tra i malesseri ci sono diarrea e vomito, spossatezza ed irritabilità, perdita di ...

Lifebrain TestDNA | Intolleranza Genetica al Lattosio (Test Genetico LCT)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 70€


Intolleranza al fruttosio

Vari tipi di zucchero Per quanto le raccomandazioni della comunità scientifica siano sempre indirizzate ad invogliare le persone ad un maggiore consumo di frutta fresca, specie durante il periodo estivo, esiste una piccola quota della popolazione che proprio non può accogliere questa raccomandazione, semplicemente perché è intollerante allo zucchero normalmente presente in questi alimenti, ovvero il fruttosio. Esistono in realtà dure varianti di questa intolleranza. Quella ereditaria è una affezione molto rara, che viene scoperta fin dai primi mesi di vita grazie ad esami specifici, e porta necessariamente i soggetti che ne sono affetti dal doversi astenere dal consumo di qualsiasi alimento contenente fruttosio. I restanti soggetti hanno invece un disturbo decisamente più lieve, che solitamente si manifesta con sintomi gastrointestinali come diarrea e flatulenza.


Il sorbitolo

Sorbitolo di importazione Il sorbitolo è uno zucchero molto semplice e tende ad essere assorbito molto facilmente da un intestino sano e da un individuo che non presenta particolari disturbi di carattere alimentare. Non a caso questo monosaccaride viene utilizzato all’interno del test del respiro per evidenziare, per esempio, una possibile iniziale reazione positiva alla celiachia. Tuttavia è anche l’ingrediente dolcificante di diversi prodotti di largo consumo, come caramelle, chewing gum e bevande classificate come "light". Anche in questo caso non cambia il quadro sintomatologico, che derivando da una intolleranza di tipo alimentare, localizza i suoi effetti nell’intestino, causando diarrea e flatulenza. Anche in questo caso occorre tuttavia ricorrere al medico per ottenere una diagnosi certa, tramite una prima osservazione dei sintomi, la tenuta di un diario alimentare ed il consulto con altri specialisti.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO