Formaggio senza latte

Formaggio senza latte, realtà o utopia?

Pensare al formaggio inevitabilmente porta con la mente a pensare a prodotti caseari fatti con il latte. Ma se fosse realmente così tutti gli intolleranti al lattosio dovrebbero rinunciare per sempre alla bontà dei formaggi! Per loro fortuna il formaggio senza latte non è un'utopia ma una realtà ben definita e concreta presente in ogni supermercato. Ma vediamo com'è possibile che questi alimenti diventino innocui per chi soffre di intolleranza. Tutti i formaggi sono realizzati con il latte e quindi almeno inizialmente contengono una buona percentuale di lattosio. La stagionatura attua un processo di trasformazione che lo fa diventare acido lattico, ma deve essere veramente molto lunga per eliminarne ogni traccia. Si possono, dunque, consumare con tranquillità i formaggi a pasta dura o extra dura.
Formaggi senza latte al supermercato

CuisinArt YM400E, Yogurtiera & Formaggiera 2-in-1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 99€


Formaggi senza lattosio in commercio

Formaggi senza latte Oltre i formaggi a lunga stagionatura gli intolleranti al lattosio oggi sono agevolati dall'evoluzione alimentare che ha permesso la nascita di alimenti privi lattosio, prodotti solo da alcune marche ben precise ma presenti ormai in tutti i supermercati. Formaggi come i fiocchi di latte, i formaggi spalmabili, la mozzarella e la ricotta di vacca o di pecora abitualmente sono cibi assolutamente vietati per chi soffre di intolleranza la lattosio. Oggi possono invece essere consumati anche da chi non li tollera bene, ma bisogna sempre stare attenti a non eccedere con le quantità. Questi formaggi possono essere ingeriti perché ad essi viene aggiunto il lattasi, che per mezzo di un lievito, divide il latte in due zuccheri con un conseguente sapore ancora più dolciastro. Invece, chi ha un livello di intolleranza più basso può provare a consumare in piccole quantità formaggi come l'asiago, il caciocavallo, la caciotta, il caprino, la fontina e la crescenza.

  • formaggi senza lattosio Rientra finalmente da vero protagonista sulle tavole italiane il formaggio. Tante persone hanno dovuto rinunciare a questo gustoso alimento, privandosi dell'ingrediente di spicco di antipasti e second...
  • Ricotta senza lattosio La ricotta delattosata è un particolare tipo di latticino che ha per base di preparazione un latte a basso contenuto di lattosio e per consumatori finali tutti i soggetti che sono intolleranti a quest...
  • Formaggio di capra e lattosio Il formaggio di capra e lattosio, a dispetto di quello che si pensa, può anche essere consumato dalle persone che sono allergiche al latte vaccino. L'allergia al lattosio, che fa parte di una delle pa...
  • Parmigiano senza lattosio I formaggi senza lattosio sono latticini particolari che vengono realizzati usando latte delattosato oppure utilizzando prodotti a base di soia, mandorle oppure riso. In questo modo questi alimenti so...

Parmigiano Reggiano Dop VACCHE ROSSE, stagionato 24/30 mesi, 1 kg - SENZA LATTOSIO Prodotto direttamente dal caseificio del Consorzio Vacche Rosse (Etichetta Rossa)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 41€


Parmigiano reggiano a lunga stagionatura

Parmigiano reggiano DOP Tra i formaggi a lunga o lunghissima stagionatura che sono più amati dagli intolleranti al lattosio il più diffuso è sicuramente il parmigiano reggiano DOP. La stagionatura di almeno 36 mesi lo rende innocuo per gli intolleranti che possono consumarlo a volontà senza temere conseguenze o disturbi di alcun tipo. In alcune zone d'Italia, come nelle Marche, si produce anche un tipo di parmigiano che viene stagionato per ben 120 mesi. Insieme al parmigiano reggiano altri formaggi sono più digeribili per gli intolleranti come l'emmenthal, il gorgonzola, il grana padano, la provola affumicata e dolce, e il pecorino stagionato per lunghi periodi. Tutte le intolleranze hanno un grado diverso di gravità e può succedere che alcuni soggetti riescano a consumare un formaggio con piccole tracce di lattosio, ma bisogna testare sempre i propri limiti iniziando con quantità limitate.


Formaggio senza latte e Unione europea

L'Unione europea e i formaggi Di recente si è sviluppata un'aspra polemica fra l'Italia e la Commissione Europea in merito all'uso di formaggio senza latte. Secondo l'Europa anche il nostro Paese deve uniformarsi agli altri stati che attualmente producono formaggio utilizzando succedanei del latte. Ma l'Italia non ci sta ad abbassare la qualità dei suoi prodotti caseari genuini e ne è nata una polemica internazionale ancora oggi aperta. In alcune zone d'Europa già si è accettato di modificare alcuni prodotti di largo consumo come la cioccolata o il vino: paesi come Bruxelles ormai rinunciano a cacao e uva per la loro produzione. Se la legge diventasse effettiva gli intolleranti al lattosio potrebbero consumare qualsiasi tipo di formaggio senza preoccupazione ma a che prezzo? Ne risentirebbero la genuinità e il gusto e gli standard qualitativi elevati della produzione italiana si andrebbero perdendo.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO