Dieta senza lattosio

Dieta senza lattosio

È possibile pianificare una dieta senza lattosio, optando per la vasta scelta di prodotti delattosati reperibili in commercio tra cui latte, yogurt, mozzarelle o formaggi spalmabili. Tuttavia, per seguire correttamente questo regime alimentare è consigliabile integrare nella propria dieta dei cibi salutari e privi di lattosio come latte di soia, latte di riso, marmellata di frutta e fette biscottate. Per il pranzo si può variare tra pasta o riso integrale, cereali, verdure, pomodori, tanti legumi e uniti ai formaggi molto stagionati che sono facilmente tollerabili. Per integrare il calcio, essenziale per la salute delle ossa, si consiglia di consumare spinaci, broccoli, cime di rapa e cipolle. Infine, per lo spuntino andrà benissimo un frutto di stagione o uno yogurt di soia mentre per una cena leggera e nutriente si può assumere la carne bianca o rossa, il pesce e del pane integrale, il tutto può essere condito con un filo di olio extravergine d'oliva.
Intolleranza al lattosio

INTEGRATORE DIGESTIONE Vegavero® | Con Enzimi Digestivi | Gonfiore e Flatulenza | Con Papaina, Bromelina, Kiwi, Cumino e Cardamomo | 180 capsule | Vegan

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,9€
(Risparmi 4€)


Perchè seguire una dieta senza lattosio

Dieta senza lattosio L'intolleranza al lattosio è un disturbo che colpisce generalmente le persone adulte, ma potrebbe anche verificarsi nei bambini. Il latte è un alimento essenziale sin dalla nascita per la fase di crescita di ogni individuo, ma con l'arrivo dell'età adulta può capitare di non digerire più questa sostanza. Questo disturbo scaturisce proprio da un deficit o dall'assenza dell'enzima lattasi, poiché è proprio grazie ad esso che è possibile digerire gli alimenti contenenti lattosio, ossia lo zucchero principale contenuto nel latte, composto da glucosio e galattosio. È inoltre presente in varie tipologie di latte, indipendentemente dall'animale da cui viene prodotto. Seguire una dieta senza lattosio è indispensabile per molti individui, poiché in questo modo si può prevenire l'insorgere di vari disturbi.

  • Besciamella vegetale Coloro che soffrono di intolleranza sanno bene che devono prestare molta attenzione agli alimenti che consumano. La besciamella è uno di quei prodotti a base di lattosio che quindi vanno assolutamente...
  • Alimenti senza lattosio È ormai piuttosto noto che un numero sempre maggiore di persone combatte con le intolleranze alimentari. Una delle più comuni è quella che riguarda il lattosio, ovvero lo zucchero del latte. Alcune pe...
  • Latte, latticini e formaggi Mal di stomaco, emicrania, malessere generale, nausea, diarrea, eruzione cutanea, problemi respiratori: i sintomi di un'intolleranza al lattosio possono essere più o meno lievi ma non sono da sottoval...
  • Il gouda è un formaggio a basso contenuto di lattosio Se non si è disposti a rinunciare al latte e ai suoi derivati, sia come fonte di calcio che per una questione di sapori, esiste una varietà di cibi senza lattosio. Confezioni di latte, formaggi, persi...

Polvere Proteica di Canapa Biologica, 1 kg, 50% Proteine, Non trattata termicamente, I nutrienti sono preservati, Sapore di Nocciola, Coltivazione in clima nordico, Polvere proteica vegana, non-OGM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,49€


Dieta senza lattosio: cosa mangiare

Intolleranza al lattosio sintomi Molte persone non sviluppano una vera e propria intolleranza al lattosio, poiché riescono comunque a tollerare abbastanza bene questo alimento. Altre invece, non possono affatto consumare i cibi contenenti lattosio, poiché vanno incontro a disturbi come gonfiore, dolore addominale, crampi, diarrea, stitichezza, ma anche spossatezza e senso di debolezza. Quest'ultime sintomatologie sono appunto causate da una cattiva digestione del lattosio. A tal proposito diventa indispensabile consultare il proprio medico, in modo tale da stabilire insieme una dieta senza lattosio e optare per alimenti altrettanto sani e nutrienti. Il mercato, al giorno d'oggi, offre una vasta gamma di prodotti tra cui latte, latticini e derivati privi di lattosio e da poter consumare tranquillamente in quanto subiscono un'idrolisi di questa sostanza durante la fase di lavorazione. Pianificare una dieta senza lattosio è quindi molto semplice.


La diagnosi

Alimentazione sana In presenza di disturbi causati dall'ingestione di latte quali sindrome di malassorbimento, crampi o dolori addominali è consigliabile eseguire una diagnosi specifica per avere conferma dell'intolleranza al lattosio. Si tratta del "breath test", ovvero un test della respirazione, essenziale per accertare tale disturbo. L'esame in questione prevede l'assunzione di una quantità di lattosio, dopodiché il medico avrà il compito di prelevare l'aria espirata dal paziente. A seconda della quantità di idrogeno rilevata, significa che il soggetto riesce o meno ad assorbire correttamente questo zucchero ed è quindi intollerante al lattosio. A questo punto, con l'aiuto di un medico o di un dietologo si potrà optare per una dieta priva di lattosio, ma ricca di altri alimenti necessari per la salute dell'organismo.




COMMENTI SULL' ARTICOLO